Autore: Manifattura francese (-)
Farmacia da viaggio appartenuta a Maria Luigia d'Asburgo
Datazione 1810-1814
Tipo: Oggettistica Varia
Inventario: 1621
Vecchio inventario: 184
Materiale: legno di noce e ottone
Descrizione: Il bauletto è in noce e ottone, con due maniglie laterali e una superiore, pure in ottone; quest'ultima reca inciso sulla piastra lo stemma di Maria Luigia. L'interno è suddiviso in scomparti e cassettini entro cui sono sistemati: flaconi in cristallo di varie dimensioni, molti dei quali recanti inciso il monogramma "ML" coronato; vasetti in vetro e porcellana, scatoline in cartone, un contenitore in piombo. Molti recipienti contengono ancora sostanze medicinali liquide, in grani o in polvere.
Descrizione: Vi sono inoltre: alcuni medicinali preconfezionati; una custodia in marocchino nero con stemma di Maria Luigia contenente boccettini di rimedi omeopatici; filacce di cotone; una spatola, una provetta e cannucce in vetro soffiato; ampolline in vetro per salassi; due elenchi ottocenteschi dei medicinali contenuti nella cassetta, di cui uno, più tardo, siglato a china "L.B." (dottor Lorenzo Berzieri).
Misure: cm 29,9 x 55,9 x 28,4
Stato Conservazione: Buono; pulita e restaurata da Glauco Lombardi.
Osservazioni: E' probabile che lo stemma ducale sia stato inserito sul coperchio in epoca successiva alla realizzazione della cassetta, vista la presenza su numerosi boccetti del monogramma di Maria Luigia sormontato da corona imperiale, il che lascerebbe pensare a una origine francese dell'oggetto.
Il cucchiaino d'argento citato da Lombardi (vedi Acquisizione) non è presente all’interno della Farmacia.
finasterid gravid finasterid graviditet finasterid recept
Acquisizione: Bertazzoni riporta che la farmacia fu acquistata da Lombardi nel 1948 presso un antiquario di Parma.
Tra i documenti costituenti l’archivio del prof. Lombardi (Museo Glauco Lombardi, Archivio Lombardi, cont. 101/9, fasc. 20), si ritrovano le seguenti annotazioni manoscritte dello stesso Lombardi:

“Pandos Giuseppe
Farmacia acquistata nella vendita degli oggetti di M.L. dopo la sua morte
Venduta 3 anni fa a un antiquario di Parma dal dott. Parenti di Trecasali.
Salsomaggiore, luglio 1950”

“La farmacia da viaggio di Maria Luigia venne dal Signor Pandos Giuseppe acquistata nella vendita di oggetti dell’ex Imperatrice fatta a Parma per ordine del suo erede generale nel 1848.
Tre anni fà fu ceduta ad un antiquario di Parma, da cui l’acquistai per mezzo della signora Viganotti, pagandola lire 25.000mila.
La ripulî, la restaurai, e dalla figlia [Fanny] del sig. Pandos acquistai poi a Salsomaggiore, nel luglio 1950, due vasetti suppletivi ed un cucchiaino d’argento pagandoli lire cinquemila.
Glauco Lombardi”
Collocazione: Sala Acquerelli
Partecipazioni a mostre: Parigi, castello di Compiègne, "1810. La politique de l'amour. Napoléon Ier et Marie-Louise à Compiègne", 27 marzo-19 luglio 2010
Note Bibliografiche: P. BERTAZZONI, "La farmacia da viaggio dell'Imperatrice Maria Luigia", in "Il Farmacista", Anno VI, n. 7, 1952, Torino, Edizioni Minerva Medica 1952.
"Museo Glauco Lombardi", Milano, TCI 2003, p. 71.
V. BOCCHI, "Vitalità e decadenza della spezieria", in A. MORDACCI (a cura di), "Arte e mestieri a Parma dal MedioEvo al Ventesimo secolo", Parma, Step 2006, pp. 169-179: ill. p. 177.
AA.VV., "1810. La politique de l'amour. Napoléon Ier et Marie-Louise à Compiègne" (catalogo della mostra), Parigi, Edition de la RMN 2010, scheda n. 44.
A. CORVI, "La farmacia da viaggio di Maria Luigia imperatrice e duchessa di Parma", in "Rivista di Storia della Farmacia", anno XXVII n. 1, Belluno, Stampa Tipografica Piave, aprile 2010.
F. SANDRINI (a cura di), "Glauco Lombardi (1881-1970) molto più di un collezionista", Parma, Grafiche STEP 2011, p. 57 [ill] e p. 151.