Autore: Johann Schanz (o Schantz) (Kladrob, 1762-Vienna, 1828)
Fortepiano appartenuto alla duchessa Maria Luigia d'Asburgo
Datazione 1825 ca.
Tipo: Varie
Inventario: 2371
Vecchio inventario: 522
Materiale: abete, piuma di mogano, bronzo dorato, avorio
Descrizione: Il fortepiano ha struttura in abete rivestita da una impiallacciatura in piuma di mogano. E' sostenuto da tre gambe a colonna corinzia con capitello in legno finemente intagliato e dorato; le due gambe anteriori risultano unite da un'asse lignea che ospita, al centro, la pedaliera, raccordata alla cassa da un elemento a lira. Lungo la cassa armonica, lateralmente, sono applicati due sottili fregi in bronzo dorato: rami di rose (lungo il brodo inferiore) e tulipani stilizzati (lungo il bordo superiore).
Descrizione: Il coperchio della tastiera si solleva mediante una maniglia ad anello applicata su una placca a protome leonina entro ovale formato dall'intreccio di rami d'alloro e di quercia. I tasti sono in legno rivestito da sottili lamine di avorio e di ebano. Tra questi ed il leggio è una targhetta, probabilmente in avorio, con l'indicazione a inchiostro manoscritta: "Johann Schantz / in Wien". Ai suoi lati sono due applicazioni in bronzo dorato con girali vegetali, putti musicanti e cornucopie.
Misure: Altezza: cm 88,7
Lunghezza: cm 237 ca.
Larghezza: cm 130 ca.
Stato Conservazione: Molto buono; l'opera è stata restaurata tra il maggio e dicembre 2007 (Laboratorio di Restauro del Fortepiano di Degiampietro & C. e Restauro Mobili Antichi Chiarugi). L'intevento, finalizzato al recupero della piena funzionalità fonica dello strumento, si è articolato in un generale trattamento antitarlo del legno e nella pulitura delle sue varie parti, provvedendo alla sostituzione filologica di piccole parti usurate con materiali equivalenti oltre al rifacimento dei decori bronzei mancanti; lo strumento è stato regolato, intonato e accordato alla frequenza di 440 Hz per il La centrale.
Osservazioni: Il termine fortepiano designa il diretto predecessore del pianoforte nel periodo che va dal 1700 al 1830: esso presentava caratteristiche costruttive e sonore diverse dal moderno strumento.
Il conte Giovanni Sanvitale, da cui Lombardi acquistò il fortepiano per 1.000 lire, lo conservava nella Sala delle Armi della Rocca di Fontanellato.
Durante l'intervento di restauro è stato possibile rintracciare il numero progressivo di fabbricazione annuale, il 44, sul vano tastiera, mentre sul fondo dello strumento compare un'etichetta col numero 522, probabilmente un vecchio inventario.
Acquisizione: Lo strumento fu acquistato dal prof. Lombardi nel 1934 presso il conte Giovanni Sanvitale.
Provenienza: Famiglia conti Sanvitale
Collocazione: Salone
Note Bibliografiche: S. GRANDJEAN, "Empire Furniture", London, Faber and Faber 1966, p. 106 e tav. 86.
L. FARINELLI, "Maria Luigia duchessa di Parma", Milano, Rusconi 1983, pp. 124-125.
G. CIRILLO, G. GODI, "Il mobile a Parma fra Barocco e Romanticismo", Parma, Ermanno Albertelli Editore 1983, pp. 208-209.
"Museo Glauco Lombardi", Milano, TCI 2003, p.121.
F. SANDRINI, "Glauco Lombardi e il suo museo", in "Aurea Parma" anno XC, fasc. III, Parma 2006, pp. 301-324: p. 311.
AA.VV., "Schanz lo strumento dei Principi. Arte e musica nella Milano dell'Ottocento al tempo di Cristina Archinto Trivulzio", Milano, Villa Medici Giulini 2008, pp. 52-56 e p. 74 [ill.].
C. HOGWOOD, "The keyboard sonatas of Leopold Kozeluch", in "Early Music", vol. XL/4, nov. 2012, pp. 621-637, ill. p. 631.
AA.VV., Il Conservatorio di musica di Parma e le sue collezioni storiche", Parma 2010, ill. p. 9.