Questo ambiente, che verso la metà del XIX si progettò di adibire a camera da letto di Carlo III di Borbone, è dedicato a un periodo della storia del ducato, quello della prima dominazione borbonica (1732-1802), profondamente segnato dall’influenza francese, anche in ambito artistico e urbanistico.

L’opera politica del ministro Guillaume Du Tillot e il matrimonio del duca Filippo di Borbone, secondogenito di Elisabetta Farnese e di Filippo V di Spagna, con la figlia del re Luigi XV, Louise Elisabeth, determinarono infatti l’arrivo di numerose opere d’arte, arredi e idee dalla Francia; anche grazie a ciò si poté porre rimedio alle ignobili asportazioni effettuate a danno delle residenze ducali dal fratello maggiore del duca Filippo, Carlo di Borbone, allorché, dopo aver retto le sorti del Ducato dal 1732 al 1734, assunse la sovranità sul Regno di Napoli.

Oltre ai ritratti dei duchi Luisa Elisabetta e don Filippo e del successore di questi don Ferdinando, nella sala trovano posto le opere di vari pittori e scultori spesso in stretto rapporto con l’Accademia Reale di Belle Arti, fondata nel 1752: ai disegni di Callani e Bresciani si affiancano le terracotte di Guiard e le realistiche figure di Sbravati; ai nomi di pittori locali quali Baldrighi e Ferrari accostiamo quelli di Nattier, Boucher e di altri autori che esprimono il gusto della pittura francese del XVIII secolo; ricordiamo anche due quadretti, “Il pappagallo rosso” e “Il cane maltese”, che richiamano la maniera di J.H. Fragonard.

Uno splendido fortepiano appartenuto a Maria Luigia occupa il centro della sala: proveniente dal distrutto Palazzo Ducale di Parma, esso ci riporta a quel clima di borghese intimità in cui la Duchessa, Neipperg e pochi intimi solevano passare le serate dando vita a vivaci accademie musicali. Tra le finestre una vetrina ospita libri, piccoli notes, timbri e custodie per parure di gioielli già di pertinenza di Maria Luigia, così come l’elegante servizio da scrittoio in marocchino.

 

 


G. Baldrighi - Ritratto del Duca Filippo di Borbone Maniera di J.H. Fragonard - Il pappagallo rosso Fortepiano appartenuto a Maria Luigia

 

 


© copyright Fondazione Monte di Parma - Tutti i diritti riservati - e-mail: glaucolombardi@libero.it
english version